Il 16 e 17 settembre si calzano gli skiroll nella Fiemme Rollerski Cup

Presenti Gjerdalen, Dahl, Kjölstad, Kowalczyk, Røthe e Anders Aukland

Tra gli azzurri ci saranno Debertolis e Nöckler, primi di una lunga serie

Il ricco parterre di atleti prevede anche cinque nigeriani – evento aperto agli amatori

Negli anni ’80 in materia di skiroll imperversava la Skirollonga, altra long distance che seguiva i passi della prestigiosa Marcialonga sfilando veloce fra le Valli di Fiemme e Fassa (TN), utilizzando questi attrezzi per fondisti in attesa di neve ed inverno. E se la Skirollonga aveva come ‘riferimento’ la Marcialonga, la Fiemme Rollerski Cup nuova di zecca del 16 e 17 settembre avrà il mitico Tour de Ski, con la celeberrima erta finale del Cermis a decretare i campioni del Guide World Classic Tour e delle sfide fra amatori. Questi ultimi, in particolare, avranno a disposizione una 50 km ed una 20 km dedicata ai meno allenati, mentre sulla prima distanza competeranno anche i fuoriclasse dello sci di fondo mondiale, con il comitato Nordic Ski Fiemme a non star fermo un momento nemmeno quando i fiocchi innevati sono lontani.

Al via ci saranno fenomeni del calibro di Tord Asle Gjerdalen, vincitore delle ultime tre edizioni della Marcialonga, Anders Aukland, figura storica ed imponente degli sci stretti mondiali, e ancora Johan Kjölstad (campione del mondo a Liberec 2009 nella team sprint) e John Kristian Dahl (tre volte vincitore della Vasaloppet), poi, udite udite, Sjur Røthe e Justyna Kowalczyk, domatrice per ben quattro volte dell’impennata più celebre dello sci di fondo, con anche tanti azzurri a calarsi nella parte giocandosi il titolo italiano, uno su tutti Dietmar “Diddi” Nöckler, ma l’altoatesino non sarà il primo e nemmeno l’ultimo.

Incredibile ma vero, ci saranno anche cinque skirollisti nigeriani al via: Patrick Ebhomen Innocent, Onyeka Obi Prosper, Joseph Nwafor Chuwunmweike, Chikelue Umeh Bonaventure e Abiye Agbudeloye, i quali, guidati dal coach Owolabi Ayebogbon Shola, faranno vedere che non sono capitati nella “culla dello sci nordico” per caso e che la passione per questa innovativa disciplina non ha confini.

Le origini dello skiroll risalgono agli anni ’30 del secolo scorso, nell’epoca in cui in Scandinavia vennero costruiti i primi modelli artigianali in legno per consentire ai fondisti di allenarsi anche in estate e in assenza di neve. Il nord Europa accolse subito la disciplina nel migliore dei modi, mentre in Italia il vero precursore fu un artigiano di Sandrigo, Fabio Crestani. Dalla provincia vicentina all’Alpe Cermis il passo è breve, ed ora tutti ma proprio tutti, campioni ed amatori, avranno un evento loro dedicato con gli skiroll ai piedi: la Fiemme Rollerski Cup, perché il comitato Nordic Ski Fiemme pensa a 360° e, come nel caso del Tour de Ski, riserva sempre agli amatori un angolo speciale, come accade con l’evento promozionale “Rampa con i Campioni”. Le iscrizioni stanno pervenendo “a caduta” e tra di esse si nota anche quella “interessante” di Bruno Debertolis, uno che di skiroll se ne intende, nel senso che il fondista trentino quasi tutti i giorni percorre Fiera di Primiero – Passo Rolle con gli ‘attrezzi’ per andare al lavoro, il quale ha già risposto “presente”. Secondo Debertolis l’appuntamento non è proibitivo, e dunque anche i meno preparati o i semplici appassionati potranno parteciparvi: “Sul Cermis non si sale per la pista ma per la strada, quindi il compito è assai più agevole del Tour de Ski, ma l’impegno è per forza di cose richiesto dopo aver affrontato tutti quei chilometri e non sarà comunque facile. La gara in tecnica classica verrà effettuata dai big in double poling, come oramai in tutti gli itinerari granfondo. Tutti i 200 pro gareggeranno con gli stessi skiroll, magari fosse così anche con lo sci di fondo, avrei vinto molte più gare!”

Info: www.fiemmerollerskicup.it